• 080 596 3786

Nel corso della seduta di Senato Accademico tenutasi il 26 novembre 2015 ho proposto una serie di interrogazioni al Rettore di cui consiglio la lettura:

Magnifico Rettore,
colgo l’occasione per sollecitare la pubblicazione del calendario delle sedute di Senato Accademico.
Vorrei, inoltre, avere aggiornamenti sullo stato di avanzamento delle modifiche allo Statuto, anche in relazione alle ormai prossime elezioni delle rappresentanze studentesche. Ricordo che a causa delle elezioni indirette attualmente previste da Statuto e Regolamento Elettorale il Senato Accademico si è privato di quattro dei suoi componenti nel periodo ottobre 2014-febbraio 2015.
Chiedo la pubblicazione sul sito istituzionale del Politecnico dei Regolamenti Didattici a.a.2015/16 approvati nella seduta del 21 maggio 2015.
Sempre nella seduta del 21 maggio, nella delibera di approvazione dei Regolamenti Didattici del Dicar vengono stralciate le parti relative alle sessioni ed agli appelli di esame e delle sedute di laurea e quelle relative ai blocchi per il passaggio agli anni successivi, rimandandone la discussione ad una seduta successiva. Viene, inoltre, definita la necessità di un format comune a tutti i Dipartimenti per la redazione dei Regolamenti Didattici, la cui predisposizione è stata demandata ad una commissione non ancora nominata, in cui è prevista anche la componente studentesca. Vorrei aggiornamenti relativi alla nomina della commissione citata ed alla discussione dei blocchi e delle sessioni d’esame e di laurea del Dipartimento ICAR.
Vorrei sollecitare la pubblicazione periodica dei verbali dei Consigli di Dipartimento, in modo da poter essere consultabili da tutte le componenti dell’Ateneo.
Segnalo che la guida di laurea presente sul sito poliba.it, di recente modificata, mostra ancora discrepanze rispetto all’effettiva procedura definita dal Dipartimento ICAR. Chiedo che ci sia una maggiore comunicazione tra la segreteria didattica e la segreteria studenti in modo che le informazioni rese pubbliche siano congruenti.
Vorrei proporre, oltre la pubblicazione di tutti i programmi dei corsi e delle date d’esame sul portale esse3 come precedentemente stabilito, la pubblicazione del materiale didattico accessibile a tutti gli studenti del Politecnico in virtù della presenza di CFU a scelta libera nei piani di studio e dell’erogazione dei corsi singoli. Sottolineo l’assenza diffusa della pagina “Contenuti del corso” e di quasi tutte le date d’esame 2016 sul portale esse3.
Infine, prima di concludere con le ultime richieste, vorrei esporre alcune considerazioni in merito alla programmazione dei Fondi per il Diritto allo Studio nel 2015, anche per una maggiore comprensione delle stesse.
Il Consiglio di Amministrazione approva, il 19 dicembre 2014, il Bilancio Prevenivo 2015, all’interno del quale un errore di trascrizione in una voce di spesa relativa agli interventi in favore degli studenti fa considerare il Fondo per il Diritto allo Studio pari a circa € 713’000, 100mila in meno degli effettivi.
Successivamente, il 30 marzo 2015, il CdA approva una variazione di bilancio che, al precedente errore di trascrizione, aggiunge un ulteriore errore dovuto al fatto che le variazioni vengono applicate ad un totale, pari a circa € 650’000, che non tiene conto della percentuale riservata al “Potenziamento Biblioteche” dal Regolamento Fondi Diritto allo Studio attualmente in vigore. La causa è da ricercarsi, probabilmente, nella non corrispondenza tra le voci di bilancio e quelle del regolamento stesso. Specifico che tutti i dati citati sono certi e ricavati dai verbali delle sedute di Cda e dai prospetti COAN fornitici dall’ufficio Bilancio, il cui supporto è stato indispensabile.
Rilevate queste incongruenze, il 27 ottobre 2015, Azione Universitaria Politecnico protocolla una richiesta di revisione costi per iniziative in favore degli studenti. Il Direttore Generale, dott. Antonio Romeo, che ringrazio per la disponibilità, accoglie la nostra richiesta e predispone un incontro con il Settore Risorse Finanziarie e il Settore Diritto allo Studio, durante il quale vengono evidenziate le discrepanze e viene chiarita la situazione, in modo da poter procedere per vie ufficiali alla risoluzione definitiva del problema. Mi soffermo, inoltre, sulla voce di spesa “Borse di studio”. In data 29 settembre 2015, l’associazione Azione Universitaria Politecnico protocolla una richiesta di attivazione di una borsa di studio per merito sul fondo 2015, tenendo conto di una disponibilità pari a € 50'000 su un totale di € 200'000, comprensivi dei € 150’000 già  impegnati a marzo 2015 dal Senato Accademico per due diverse selezioni, previste per aprile e novembre, relative al conferimento di borse di studio per studenti laureandi. In realtà, alla luce delle incongruenze sollevate, il fondo residuo risulta di € 150’000 su un totale effettivo pari a € 300’000 di cui, ad oggi, spesi € 0. La borsa di studio laureandi, infatti, viene emanata non ad aprile, come precedentemente deliberato, ma a luglio, con scadenza fissata in data 31 agosto. Infine, la graduatoria provvisoria della prima selezione viene pubblicata solamente ieri.
Il reiterarsi evidenziato di errori e ritardi mi porta a chiedere, per il 2016, una programmazione di tutto il Fondo per il Diritto allo Studio, ponendo particolare attenzione sulle voci relative alle borse di studio ed al potenziamento biblioteche. A proposito dell’avanzo sui fondi del 2015 ritengo opportuno che venga convocata la nuova Commissione Diritto allo Studio per discutere dell’attivazione di ulteriori borse di studio. In particolare l’associazione Azione Universitaria Politecnico, che rappresento, chiede di valutare l’attivazione di borse di studio per la copertura di un posto non finanziato di dottorato per ogni Dipartimento, l’attivazione della borsa di studio premiante del merito richiesta in data 29 settembre 2015 e ulteriori tipologie valutate in accordo con il Settore Diritto allo Studio."

In riferimento alla richiesta di pubblicazione dei regolamenti didattici approvati il 21 maggio 2015 il Rettore si è impegnato a sollecitare e garantire la pubblicazione in tempi brevi.

Viene, inoltre, nominata la Commissione per la redazione di un format di regolamento didattico di Ateneo e per la riorganizzazione dei R.D. del Dicar, composta dal prof. Monno (Direttore DMMM), prof. Rocco (Direttore DICAR), prof. Spina, Scapati e Di Blasio (componente studentesca) e coordinata dal prof. Binetti, delegato del rettore alla Didattica, e che sta già lavorando per far in modo che TUTTI i regolamenti didattici rispettino il Regolamento Didattico di Ateneo. 

La proposta di pubblicazione del materiale didattico, invece, non è stata accolta per varie motivazioni, mentre verranno nuovamente sollecitati i docenti a pubblicare sul portale esse3 i contenuti di ogni corso e le date d'esame.

La guida di laurea sarà nuovamente modificata tenendo conto delle effettive procedure da seguire, con particolare riferimento agli studenti afferenti al Dicar.

In ultimo, il Rettore e il Direttore Generale si sono mostrati assolutamente favorevoli alla programmazione oculata dei Fondi per il Diritto allo Studio nel 2016 e all'istituzione di nuove borse di studio e premi di laurea. Vi terremo costantemente aggiornati sugli sviluppi.

Interessante punto all'o.d.g. è quello relativo al  NUOVO REGOLAMENTO COLLABORAZIONI STUDENTESCHE, approvato con le modifiche proposte dalla nostra associazione, che permetteranno l'accesso al bando anche a chi ha effettuato l'iscrizione come studente part time negli anni precedenti a quello in cui viene emanato il bando e che prevedono la formazione della graduatoria su un punteggio che elimina la sproporzione tra le voci relative al merito e al reddito.

____________________________________________

Nella seduta del 22 dicembre 2015 il rettore comunica che sono in fase di ultimazione i lavori di illuminazione del campus e che è stata predisposta la temporanea presenza di sicurezza armata, al fine di evitare ulteriori episodi di illegalità nelle zone non troppo illuminate. 

Dopo anni di attesa è stato emanato il bando di gara per l'affidamento in concessione dei lavori per la realizzazione di un punto ristoro, un flag e un infopoint all'interno del campus, che sarà situato di fronte all'attuale bar del politecnico.

In relazione alla necessità, oltre che obbligo di legge, di programmazione e valutazione delle Università, per il triennio 2016-2018 il rettore ha deciso di costituire la COMMISSIONE DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA proponendo la seguente composizione, con il parere favorevole e unanime del S.A. e del C.d.A.:

Presidente:  Prof. Eugenio Di Sciascio, Rettore del Politecnico di Bari

Componenti: Prof. Umberto Fratino, Direttore DICATECh Prof. Silvano Vergura, componente Senato Accademico Gabriella Di Blasio, componente Senato Accademico Prof. Orazio Giustolisi, componente Consiglio di Amministrazione Prof. Pierpaolo Pontrandolfo, componente Consiglio di Amministrazione Teresa Angiuli,  componente Consiglio di Amministrazione

Il compito della commissione è proprio quello di supportare il rettore nell'elaborazione del Piano strategico, documento di programmazione che delinea la missione, gli indirizzi strategici e gli obiettivi dell’Ateneo con particolare riferimento ai corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere; al programma di sviluppo della ricerca scientifica; alle azioni per il sostegno ed il potenziamento dei servizi e degli interventi a favore degli studenti; ai programmi di internazionalizzazione; al fabbisogno di personale docente e non docente a tempo sia determinato che indeterminato. Il fine di questo importante strumento è quello di promuovere e sostenere l'incremento qualitativo delle attività delle università statali e di migliorare l'efficacia e l'efficienza nell'utilizzo delle risorse prendendo in considerazione: la qualità dell'offerta formativa e i risultati dei processi formativi,  la qualità della ricerca scientifica, la qualità, l'efficacia e l'efficienza delle sedi didattiche.

Finalmente è stato approvato il Regolamento Fondi Diritto allo Studio ai sensi del Decreto legislativo n.68/2012 . Vi ricordo l'importanza di questo regolamento che all'art.1 cita "I fondi destinati all’attuazione degli interventi di cui in premessa, così come deliberato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 22 marzo 2011, vengono determinati, di anno in anno dallo stesso Consiglio di Amministrazione in sede di approvazione del bilancio di previsione; i predetti fondi non possono, comunque, variare +/-20% di quanto speso nell’anno precedente."  Questo vuol dire che ciò che non viene speso nell'anno successivo non solo non viene ridestinato alla stessa voce di spesa ma causa una ulteriore riduzione del fondo di anno in anno. Prendiamo quindi coscienza del fatto che tutti dobbiamo contribuire all'ottimale utilizzo dei Fondi per il diritto allo studio. Nel frattempo con grande piacere vi informo che per quest'anno, anche grazie all'impegno e alle osservazioni poste all'attenzione di Rettore, Direttore Generale, Settore risorse finanziarie, Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione dai rappresentanti di Azione Universitaria Politecnico, e alla disponibilità da questi mostrataci, IL FONDO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PER L'ANNO 2016 E' RIMASTO SOSTANZIALMENTE INVARIATO e LA QUOTA NON SPESA NEL 2015 (tra cui € 150 mila della voce "Borse di Studio") E' STATA RIASSEGNATA ALLO STESSO CAPITOLO DI SPESA PER IL 2016. Ci auguriamo per questo nuovo anno di essere in grado di gestire meglio questa "montagna di soldi" che è NOSTRA! 

Tengo a ringraziare tutto il personale che ci ha aiutato a venire a capo di una situazione per noi nuova e molto complicata, oltre che gli studenti che ci supportano nel cercare di fare sempre meglio. Ecco, a voi chiedo per il 2016 di fare un bilancio ben più ampio del rapporto tasse-servizi . A titolo esemplificativo vi ricordo che, nonostante la tassazione sia una delle più basse d'Italia il Politecnico di Bari è uno dei pochi a finanziare di tasca propria la mobilità Erasmus, consentendo di accedere ad una borsa mensile che si aggira intorno a  € 450,00 in confronto alle altre che sono erogate sul solo contributo europeo, pari a circa € 250,00 mensili.

A breve sarà possibile leggere il regolamento completo sul sito poliba.it. Vi anticipiamo che sono state definite procedure più precise per la presentazione delle singole attività (viaggi, attività autogestite).

Riporto, inoltre, uno stralcio del bilancio di previsione 2016 di interesse per gli studenti, al quale va aggiunta la voce, riportata in altro prospetto, del "Potenziamento biblioteche":

Immagine

In ultimo il Politecnico di Bari, con l'approvazione di S.A. e C.d.A., ha attivato il Corso di Laurea Interateneo con l'Università degli Studi di Bari in ingegneria dei Sistemi Medicali nella Classe L8.  Il primo anno di corso fornirà agli studenti la classica preparazione dell’ingegnere nelle materie di base (Matematica, Fisica, Geometria, Informatica, Chimica). Nel secondo anno la preparazione sarà consolidata con altre materie di base e con l’erogazione di materie ingegneristiche caratterizzanti la classe L8-Ingegneria dell’Informazione. Il terzo anno si completa con lo studio di discipline affini e integrative dell’area della biologia e della medicina nei settori di Istologia, Fisiologia, Anatomia e Biochimica, con alcuni corsi tipici dell’ingegneria industriale (Fluidodinamica, Meccanica Applicata, Sicurezza Elettrica), con i corsi a scelta dello studente, con il tirocinio/stage in aziende/laboratori del settore e con la prova finale. Per le materie affini è previsto un paniere di insegnamenti che permetterà allo studente di bilanciare le materie d’ingegneria con quelle della biologia e della medicina.

Segreteria-2   Vi informiamo che nella seduta di Senato Accademico del 21 Maggio sono state approvate le scadenze per le immatricolazioni, il rinnovo delle iscrizioni e richieste esonero studenti per l’a. a. 2015/2016.    -    IMPORTANTISSIMA MODIFICA riguarda l'immatricolazione alle lauree magistrali di II livello, legata peraltro all'esonero conseguimento titolo (ex iscrizione con riserva). La data ultima di immatricolazione è fissata in data 10 Aprile 2016 e dovrà obbligatoriamente essere presentata in istanza PART-TIME.  Il Politecnico da la possibilità agli studenti  di iscriversi ai corsi singoli ad un costo agevolato e di riconoscerli in seguito all'avvenuta immatricolazione all'a.a. 2016/17  in numero massimo pari a 5, detraendo l'importo versato dalle tasse universitarie.  Gli studenti che si laureano entro il 31/12/2015 potranno procedere ad effettuare l’immatricolazione alla laurea magistrale secondo le normali procedure. Per coloro che conseguiranno il titolo di I livello oltre tale data sarà necessario attivare l’iscrizione per studenti laureandi, richiedendo l’esonero tasse per conseguimento titolo, al fine di poter sostenere esami in quel periodo, e solo successivamente al conseguimento del titolo potranno procedere a perfezionare l’immatricolazione. N.B.: Lo studente che, in seguito alla richiesta di esonero conseguimento titolo,  non dovesse riuscire a laurearsi ENTRO MARZO 2016 dovrà provvedere al perfezionamento dell'iscrizione secondo le modalità che verranno in seguito comunicate.  -    L’iscrizione ad anni successivi per tutti i Corsi di laurea erogati dal Politecnico di Bari dovrà avvenire nel periodo 01/10/2015 – 30/10/2015 attraverso il pagamento del MAV stampabile dal portale esse3. -    Gli studenti che intendono iscriversi ad anni successivi al primo ed effettuano domanda di Borsa di Studio all’A.DI.S.U. dovranno consegnare personalmente presso gli sportelli della segreteria studenti, o inviare a mezzo posta,  la ricevuta della tassa di servizio pari a € 10,33 nel periodo 01/10/2015 – 30/10/2015. -    Gli studenti diversamente abili che rinnovano l’iscrizione dovranno effettuare la richiesta di esonero presso il Settore Diritto allo Studio nel periodo 10/09/2015  - 22/09/2015 presentando la certificazione attestante lo stato di disabilità. Per coloro che hanno già attestato una disabilità permanente sarà sufficiente inviare un’e-mail all’indirizzo . -     Le richieste esonero studenti con fratelli/sorelle iscritti ad un corso di laurea presso il Politecnico di Bari o altro Ateneo dovranno inoltrare la richiesta esclusivamente via mail all’indirizzo   nel periodo 11/01/2016 – 29/01/2016   ULTERIORI DETTAGLI SULLE PROCEDURE DI ISCRIZIONE/IMMATRICOLAZIONE SARANNO DISPONIBILI NEI PROSPETTI INFORMATIVI CONSULTABILI A BREVE SUL SITO DEL POLITECNICO DI BARI.

senato 2 Il mese di Marzo è stato caratterizzato da una mia intensa e attenta attività all'interno del Senato Accademico.  1. Una delle questioni più delicate è stata la risoluzione della problematica relativa al CdLM in Ingegneria Edile-Architettura. Nella seduta straordinaria del 13 marzo avevo presentato al Magnifico Rettore e a tutti i componenti del S.A. una interrogazione in merito: 

"Magnifico rettore,

mi dispiace dover porre questa interrogazione in assenza di uno dei direttori di Dipartimento, in particolare del prof. D’Amato Guerrieri, ma, vista l’urgenza della questione,  sono costretta a presentarla  nella seduta odierna. Sarebbe molto utile sapere da Lei e da tutti componenti del Senato Accademico che ruolo è attribuito dal Politecnico di Bari allo Statuto e ai Regolamenti previsti da questo Ateneo. La richiesta, tuttavia, tengo a sottolineare, è retorica.E’ semplice trovare la risposta nei primi articoli dello Statuto stesso. Lo Statuto, in più, definisce doveri e responsabilità della comunità del Politecnico: 

“Art. 5 – Doveri e responsabilità

  1. Tutti i componenti della comunità del Politecnico sono tenuti:a) all’osservanza dello Statuto, del Codice Etico e dei regolamenti di Ateneo;b) alla cooperazione nelle attività scientifiche, didattiche, amministrative e istituzionali; c) all’utilizzazione appropriata delle risorse e dei servizi offerti dal Politecnico.”

Mi chiedo, ancora, che legittimità abbia una delibera di Senato Accademico, organo preposto alla programmazione e al controllo delle attività dell’Ateneo nel campo della ricerca e della didattica. Nel dettaglio chiedo al Rettore, come è possibile che il nostro Politecnico presenti ancora casi di IRREGOLARITA’. Più precisamente, nel caso specifico, mi riferisco alla delibera di Senato Accademico del 1 luglio 2014, in cui veniva sottolineato l’obbligo al rispetto del Regolamento Didattico di Ateneo e dei Regolamenti Didattici dei Corsi di Studio vigenti all’atto di immatricolazione. Eppure a molti mesi di distanza sono costretta a ripresentare il problema in questo consesso:

-Il Dipartimento ICAR non ha ancora definito un calendario delle prove finali e non garantisce le 6 sedute previste dal RAD (confronto delle 8 previste dagli altri dipartimenti e alle 7 deliberate nel senato del 1 luglio). Sottolineo l’assenza di una data ufficiale per la seduta di aprile, che auspico venga fissata in data successiva al 14 aprile per consentire ai laureandi di rispettare le scadenze obbligatorie per poter accedere alla prova finale. Esempio: prenotazione verifica carriera 30 gg prima della seduta.

-Il Dipartimento ICAR, in contrasto con quanto previsto dall’art.17 co.20 del RAD, non garantisce gli 8 appelli d’esame in un anno accademico. Cosa ancor più grave non garantisce appelli durante la pausa esami di aprile a tutti gli anni di corso, ma esclusivamente al 4° e 5° anno. Concludo chiedendo che linea d’azione ha intenzione di intraprendere il Rettore per ripristinare il rispetto, da parte di tutti i dipartimenti, dello Statuto e di conseguenza dei regolamenti previsti al suo interno."

Il Rettore, in seguito ad una breve discussione, ha risposto che avrebbe verificato le problematiche esposte ed eventualmente ne avrebbe inserito un punto all'o.d.g. del primo Consiglio utile. Non sono mancati da parte mia successivi solleciti per la risoluzione del problema, sia tramite mail che in incontri fortuiti. Spunta, quindi, nell'o.d.g. del Senato del 30 Marzo c.m. il punto "43/2015. Verifica del rispetto del Regolamento Didattico di Ateneo e degli altri Regolamenti Didattici".  La discussione si apre con una breve introduzione del Rettore in cui viene nuovamente sottolineato l'obbligo al rispetto del RAD e di tutti gli altri regolamenti, per quanto in alcuni punti possano essere incondivisibili, e che ogni eventuale modifica della struttura didattica dipartimentale deve essere portata in deroga al S.A.. Il mio intervento, che per mancanza di tempo non ho ancora provveduto a formalizzare per iscritto, va a riprendere le problematiche più urgenti esposte nella precedente seduta e va ad aggiungerne altre, tra cui assenza di modulistica e chiare procedure di laurea, trasferimenti in ingresso. Prima di terminare il Direttore D'Amato Guerrieri ha chiesto di poter intervenire andando a confermare quanto esposto nel mio intervento soffermandosi sull'esempio di due laureandi assenti dall'elenco laureandi della Seduta di Aprile,  giustificandone l'assenza con la mancanza di un adempimento (non ufficializzato in alcun modo ma presentato come richiesta) da parte del relatore. Il Rettore fa notare che una mancanza del docente non può ricadere sugli studenti. A questo punto si conviene che non è opportuno trattenere all'interno del sistema universitario due studenti ormai pronti ad entrare nel mondo del lavoro. Al "termine della discussione" faccio notare che il problema non è il caso specifico di due studenti ma quello più ampio delle sedute di laurea, degli appelli, della modulistica ecc. e che quindi avrei terminato di parlare solo ed esclusivamente se si fosse deliberato in merito con il rispetto del RAD e dei regolamenti didattici in toto, oltre che delle precedenti, attuali e future delibere di senato.  Si è quindi deliberato in tal senso, con il mio impegno, su richiesta del rettore, all'invio di un elenco sintetico degli "episodi" di irregolarità.

Sottolineo quindi che TUTTI I DOCENTI, DI TUTTI I CORSI DI LAUREA, IN QUALSIASI ANNO DI CORSO SONO TENUTI A RISPETTARE LA DECISIONE DEL SENATO ACCADEMICO, che obbliga all'osservanza dello Statuto del Politecnico di Bari. Potete segnalarmi, eventualmente, difformità in questo senso.

2. Nella seduta del 30 Marzo, su richiesta del Direttore del Dicatech Umberto Fratino, è stato eliminato l'Obbligo Formativo Aggiuntivo (OFA) per tutti gli immatricolati a partire dal 2011/12 in quanto risulta essere la causa di molti studenti inattivi (circa 150 solo nel DICATECh). Per quanto la richiesta possa non essere condivisibile sotto alcuni aspetti, mi sono espressa in favore dell'eliminazione dell'OFA in quanto troppo restrittivo per lo studente.

3. Come tutti gli interessati sapranno, nella mia prima seduta di S.A. ho posto una interrogazione, che trovate al seguente link, in merito al Bando per l’attribuzione delle Borse di Studio per studenti laureandi. Posso finalmente confermarvi che il Bando è stato approvato ieri in S.A. e qualche ora dopo in C.d.A.. Ci sono ancora alcuni elementi da limare, che ho esposto già all'interno del senato e che saranno definiti in una commissione (di cui il nostro Consigliere di Amministrazione Andrea Campione ed io facciamo parte). Vi anticipo che la borsa di studio laureandi sarà erogata in due tranche annuali, una ad aprile e l'altra a novembre, e che avrà criteri più restrittivi in riferimento agli anni di corso. Il Senato, tramite la commissione, si impegna a strutturare entro l'anno una ulteriore borsa di studio per merito.

4. La formalizzazione dell'accordo multilaterale di cooperazione Italia- Francia per l’attribuzione del doppio titolo (approvato dal S.A. del 1 dicembre 2014) nel settore delle Scienze e Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione e delle sue Applicazioni (Laurea di I Livello, Laurea di II Livello, Dottorato) e l'approvazione dell'accordo per un Double Degree tra Universidad de Sevilla (ETSIE) - España e il Politecnico di Bari nei corsi di Ingegneria Edile e Ingegneria dei Sistemi Edilizi (DICATECh) sono il sintomo che il nostro Ateneo, con un efficiente impegno dei docenti e dei Dipartimenti, si sta muovendo per pro,muovere una maggiore internazionalizzazione.

5. Durante la seduta del 30 Marzo, ho avuto modo di chiedere al Rettore e al Direttore Generale se la richiesta protocollata dalla nostra associazione in merito alla richiesta di stipula della convenzione EXPO 2015, che potete leggere cliccando quifosse stata valutata. Il Rettore ha confermato che è stata presa in carico e, nel dettaglio, il direttore Generale Antonio Romeo mi ha informata che è stata già inviata la mail per la stipula della convenzione. Si attendono quindi aggiornamenti sulle procedure di acquisto. Ricordo a tutti, infine, che "per ottenere i biglietti a prezzi agevolati, sarà necessario rivolgersi alla segreteria della propria Università, che gestirà ordini e acquisti da parte degli studenti, fornendo informazioni, modalità e tempistiche sul servizio offerto." [fonte: sito ufficiale EXPO2015]

Vi informiamo, inoltre, che è stata costituita una Convenzione Quadro tra il Politecnico di Bari e l’ARCA Puglia Centrale, Agenzia Regionale per la Casa e l’Abitare, finalizzata a stabilire una collaborazione in materia di elaborazione di tesi di laurea nonché allo sviluppo di progettualità congiunte sui temi connessi alla rigenerazione edilizia e sociale del patrimonio abitativo pubblico.

6. Il Senato viene informato del successo ottenuto dalla manifestazione POLIBAHAPPENING per l'orientamento degli studenti degli ultimi anni della scuola superiore di secondo grado e dell'inserimento di ulteriori due appuntamenti, il 13 e il 15 aprile, di cui uno nella sede di Foggia.

7. Approvato il XXXI ciclo di Dottorato di Ricerca del Politecnico di Bari secondo quanto segue: 6 borse di studio per ogni Dipartimento, specificando in merito al Dipartimento Icar la necessità di pariteticità rispetto all'Università Rome Tre e quindi la richiesta di erogazione, all'interno del consorzio, del medesimo numero di borse a carico delle parti.  

Biblioteca Ci è appena giunta notizia dalla nostra rappresentante in Senato Accademico che sono state abolite tutte le soglie di sbarramento (30 CFU per il primo anno; 90 CFU per il secondo anno) per il corso di Ing. Informatica L3. Pertanto gli studenti immatricolati nell'anno accademico 2014-2015 non saranno più soggetti ad alcun vincolo per l'iscrizione agli anni successivi.

  

cdavbCon un po' di ritardo arriva il resoconto della mia prima seduta di Senato Accademico del mandato 2014/16 tenutasi il 17 febbraio 2015.

Esattamente! Il mandato dei nuovi rappresentanti degli studenti inizia ad ottobre 2014 ma i "Senatori" arrivano con un semestre di ritardo. Ringraziamo, quindi, l'attuale Statuto e Regolamento Elettorale che disciplina le elezioni studentesche per l'ASSENZA TOTALE DELLA COMPONENTE STUDENTESCA in un consiglio così importante, in un momento in cui le argomentazioni da trattare sono di particolare interesse per gli studenti.

Operativamente la seduta prende inizio e io, a nome dell'associazione che rappresento, porto all'attenzione del Rettore e del Senato la mia interrogazione:

"Magnifico Rettore,

vorrei un chiarimento in merito al Bando per l’attribuzione delle Borse di Studio per studenti laureandi. Da un anno a questa parte gli studenti del Politecnico di Bari non hanno avuto la possibilità di accedere a tale fondo in quanto, a far data dall’ultimo bando emanato con D.R. n. 47 del 06.02.2014,  non vi è stata una discussione di modifica dello stesso. In particolare, con riferimento alle convocazioni del Senato Accademico dell’1 Luglio, 15 Luglio e 28 Luglio 2014, il punto 60 “Borse di Studio Laureandi” previsto all’o.d.g. delle stesse risulta rinviato e assente nell’o.d.g.  delle convocazioni successive. Come mai a partire dall’1 Agosto 2014 il punto 60 non viene inserito nelle convocazioni? A cosa è dovuto il ritardo nell’erogazione della borsa di studio?"

Il Rettore ammette l'eccessivo ritardo, giustificandolo con la necessità di modifica al Bando secondo criteri meritocratici. Mi ha assicurato che l'iter di modifica partirà entro fine mese tramite la Commissione 390.

Sottolineo, infine, le numerose richieste di accordi pervenute per incentivare l'accesso dei laureati del Politecnico di Bari nel mondo del lavoro:

- Proposta di convenzione in co-tutela di Dottorato di Ricerca tra University of Liege (Belgio) e Politecnico di Bari (Dottorato di Ricerca del Prof. Mossa).

- Protocollo di Intesa tra Politecnico di Bari, Regione Puglia e InnovaPuglia per la condivisione della conoscenza del territorio regionale, anche attraverso la DIGITAL LIBRARY della Regione Puglia.

- Accordo Quadro tra il Politecnico di Bari e il Consorzio per lo Sviluppo dell’Area Conca Barese s.c. a r.l.

- Proposta di convenzione quadro tra il Politecnico di Bari e Sudelettra SpA.

- Protocollo di Intesa tra Politecnico di Bari – Centro Interdipartimentale “Magna Grecia” e Confcommercio Imprese per l’Italia Associazione provinciale di Taranto.

- Accordo quadro tra il Politecnico di Bari e la Regione Puglia - Area Politiche per la Promozione del Territorio dei Saperi e dei Talenti.

N.B.: Le trattazioni relative alla didattica presenti nell'o.d.g. sono state rinviate alla successiva convocazione prevista in data 25/02/2015.

Vi segnaliamo, inoltre, due importanti novità dall'ultimo Consiglio di Amministrazione. Ci è stato comunicato che la segreteria studenti ha risolto definitivamente tutti i problemi di caricamento del piano di studi e di prenotazione esami, sul portale esse3, per gli idonei adisu. Chi riscontrasse ancora delle difficoltà, può contattare la segreteria all'indirizzo .

Sembra, invece, che possano risolversi entro la prima settimana di Marzo le problematiche relative alla compilazione ed all'invio telematico del modello ISEEU da parte dei caf. Se così non fosse, si ipotizza l'inserimento di un modulo per la compilazione manuale del dato sul portale esse3. Seguiranno aggiornamenti.

Sottocategorie

Notizie dal Senato Accademico

Notizie dal Consiglio di Amministrazione

Notizie dal Consiglio degli Studenti

Eventi e Scadenze

loader

Like us on Facebook!

Cerca