• 080 596 3786

AUP

TASSE: I problemi sono sempre i nostri!

  • 17 Gennaio. Era questa la data sancita dal regolamento tasse per la pubblicazione della seconda rata.

Sono passati già tre giorni e delle tasse ancora non vi è ombra: tra i problemi del Cineca ed errori vari dei tanto attesi MAV non si è saputo ancora niente.

La situazione è a dir poco scandalosa poiché, non solo le tasse ancora non ci sono (e non saranno generate se non prima di lunedì, a patto che non vi siano ulteriori problemi), ma le famiglie saranno costrette a pagare queste tasse eccezionalmente a Febbraio, visto che gli scorsi anni la seconda rata veniva posta in scadenza a Giugno, in appena 10 giorni lavorativi.

La cosa che ci rende ancor più perplessi è il fatto che ieri, venerdì 19 gennaio, le tasse erano state caricate sul portale esse3 ma piene di errori così sono state immediatamente ritirate e nuovamente sui nostri portali non vi è nulla.

La situazione è ancor di più scandalosa perchè il regolamento fissa la scadenza di questa rata al 4 febbraio ma il Politecnico non sta rispettando a sua volta il termine, indicato nel regolamento, per la pubblicazione della tassa. Perciò abbiamo subito allertato il Direttore Generale e il Rettore, prima con una mail del 17/01 e poi con una richiesta protocollata del 18/01, per far si che, una volta risolti i problemi, le tasse riportassero una scadenza slittata a fine febbraio per consentire a tutti gli studenti di poter procedere al pagamento in tempi ragionevoli e senza incorrere in more (tra l’altro molto più elevate rispetto a quelle dello scorso anno).

La situazione, però, raggiunge il culmine quando il Rettore non si interessa minimamente alla questione non mostrando alcun segnale di apertura alle nostre richieste e il Direttore Generale sembra poco propenso ad allargare la scadenza della rata per fantomatiche “esigenze di bilancio” (che comunque verrebbe chiuso non prima del 31/12/18 e quindi ci chiediamo che urgenza ci sia?).

Il nostro Politecnico ha intrapreso da tempo la strada del “chi sbaglia, paga” nei confronti degli studenti (scadenze più rigide e meno flessibilità anche di fronte a casi particolari). Un esempio è la commissione tasse del Consiglio di Amministrazione che dovrebbe valutare i casi particolari o gli errori commessi da noi studenti in buona fede: ormai però tale commissione tende a essere sempre meno concedente perchè a detta dei Docenti e del Personale i regolamenti sono chiari e non si possono fare deroghe. Peccato però che all’amministrazione del nostro ateneo piace, da sempre, applicare due pesi - due misure.

Stavolta a sbagliare è stato il Politecnico: il regolamento tasse è stato approvato nel mese di giugno 2017 e non è accettabile che ci siano voluti più di 6 mesi per preparare tutto il nuovo sistema di calcolo tasse su esse3. Tra l’altro ricordiamo che questi servizi sono profumatamente pagati dalla nostra università (e quindi con i nostri soldi) ad una ente terzo (il consorzio Cineca, che vede la vicepresidenza proprio del nostro Rettore).

Se questi ritardi sono infatti imputabili a tale società e non agli uffici del Politecnico chiediamo che ciò venga relazionato nel prossimo Consiglio di Amministrazione e si disponga una penalità nei confronti del Cineca.

Ma chi sbaglia, paga! Quindi dovrebbe essere una decisione equa e di coscienza per il Rettore disporre il pagamento della seconda rata entro il 28/02 ammettendo gli errori dell’amministrazione e rispettando le famiglie degli studenti.

Ma alla fine tutto ciò è #orgoglioPoliba!

- COMUNICATO STAMPA -

Bari, 20/01/18

Eventi e Scadenze

loader

Like us on Facebook!

Cerca